2 settembre 2017

Chiesa Rettoriale

Nell’ambito del territorio della Parrocchia di San Domenico Savio, nell’amena e panoramica contrada Montagna, si trova una piccola chiesa dedicata alla Madonna della Stella.

Il culto della Madonna della Stella a Scordia trae origine dalla diffusa devozione verso la Madonna della Stella, patrona della vicina città di Militello in Val di Catania. L’iniziativa della fondazione di una chiesa mariana in contrada Montagna risale al 1889, quando un comitato spontaneo si fece interprete del desiderio nutrito dal popolo scordiense, che in quella contrada si recava a trascorrere la villeggiatura e a cercare ristoro dalla calura dei mesi estivi, e promosse la raccolta dei fondi necessari alla costruzione della cappella. La donazione del terreno da parte del parroco di Scordia, don Antonino Colomba, e il contributo delle famiglie più cospicue del paese furono decisivi per la realizzazione del progetto. La cappella venne aperta al culto intorno al 1910 e, per la personale devozione dei baroni Antonino Modica e Teresa Laganà, in essa venne esposta una statua in cartapesta policroma della Madonna della Stella, libera copia in scala del simulacro della Madonna della Stella venerata a Militello. La statua raffigura la Vergine Maria seduta in trono col Bambino, e reggente uno scettro sormontato dalla stella.

L’introduzione del culto della Madonna della Stella, la cui festa si celebra a Militello l’8 settembre, dette così nuovo significato alla consuetudine degli scordiensi di trascorrere il giorno dell’8 settembre in contrada Montagna a festeggiare la fine dell’estate fra pranzi, balli e giochi campestri. Successivamente, nei pressi della chiesa, furono realizzati, col beneficio dell’Opera Pia fondata da Ippolito De Cristofaro, i locali destinati ad ospitare la Casa delle Fanciulle “San Vincenzo Ferreri” e il relativo asilo infantile. In seguito, gli stessi locali furono utilizzati come residenza estiva delle Suore Cappuccine dell’Immacolata di Lourdes, il cui convento era ospitato in un’ala del palazzo Branciforte di Scordia.

Fra la fine degli anni ’50 e i primi anni ’60, accanto alla vecchia cappella, oggi adibita a sagrestia, venne costruita la nuova chiesa della Madonna della Stella attualmente aperta al culto. In questo contesto va inserita la realizzazione di una nuova statua della Madonna della Stella (1963), iconograficamente diversa, che sostituì quella più antica (finita in un deposito), e che oggi è venerata in occasione dell’annuale festa di settembre.

Recentemente, su iniziativa del parroco di S. Domenico Savio, don Matteo Malgioglio, originario di Militello, la vecchia statua della Madonna della Stella è stata recuperata e ricollocata nella chiesa di contrada Montagna, dove ogni domenica viene celebrata la S. Messa a utilità delle ormai numerose famiglie residenti in quel territorio. Dalla riapertura al culto, la chiesa non ha mancato di offrire iniziative alla comunità, ospitando importanti eventi, oltre alla consueta Messa della domenica. E’, innanzitutto, diventata tappa fissa della “peregrinatio” della “Madonnina” nel mese di maggio e della Via Crucis in quaresima. Il 18 e 19 gennaio 2014, ha ospitato la Madonna di Fatima pellegrina, durante la missione parrocchiale animata dal GAM. Il 12 marzo dello stesso anno, durante la sua prima visita pastorale alla comunità di Scordia, il Vescovo di Caltagirone, Mons. Calogero Peri, vi ha celebrato l’Eucaristia. Il 7 settembre 2016, in occasione della festa della Madonna della Stella, è stata installata la nuova Via Crucis, che è stata benedetta la domenica successiva ed utilizzata per la prima volta il 10 marzo 2017.

La chiesa della Madonna della Stella si trova in via E. Berlinguer, 38.

La S. Messa festiva è celebrata ogni domenica alle ore 9.00.