Don Matteo nominato parroco di S. Agrippina a Mineo

Questa mattina, il nostro Vescovo, Mons. Calogero Peri, ha nominato don Matteo parroco della Parrocchia S. Agrippina di Mineo. Don Matteo era il nostro parroco dal 13 gennaio 2013, e ha fatto il suo ingresso in parrocchia il successivo 6 febbraio. Lo ringraziamo di vero cuore per i quasi nove anni di apostolato nella nostra Comunità Parrocchiale.

Vogliamo con gioia affidarlo alle nostre ferventi preghiere, affinché non gli manchi mai la guida e la luce di San Domenico Savio, nostro celeste protettore, e della Madonna della Stella, per intraprendere con rinnovata forza e vigore questo nuovo cammino che il Signore lo chiama a svolgere.

Questo il suo messaggio alla nostra Comunità alla fine del suo mandato.

Carissimi amici di S. Domenico Savio,

nonostante non fossimo preparati a questo epilogo, chiedo a ciascuno di accogliere con spirito evangelico l’improvvisa decisione del Vescovo di affidarmi una nuova Parrocchia. È questo il momento di riscoprire la dimensione missionaria del nostro battesimo, che richiede, anche in circostanze singolari e complicate come questa, di essere sempre pronti a rispondere alla chiamata del Signore a seguirlo lungo le strade del mondo come apostoli del Suo Regno.

Col cuore pieno di commozione vi dico solo: grazie. Quasi nove anni di vita parrocchiale hanno lasciato tracce durature: i progetti pastorali, i percorsi di fede, le missioni popolari, gli incontri, gli eventi, le storie di ognuno, le mani tese e l’impegno costante di raggiungere in ogni modo i lontani. Ringraziare non vuol dire necessariamente fare un resoconto, ma lasciare che il cuore si raccolga in un silenzio pieno di preghiera per magnificare l’opera di Dio realizzata da semplici strumenti, mentre l’unica confessione possibile resta quella delle nostre fragilità redente.

Vi porterò sempre nel cuore e, sperando di ritrovarci in nuovi cammini di Chiesa, confido nelle vostre preghiere. Vi abbraccio e vi benedico.

Vostro don Matteo.

 

Condividi questo post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *